AGRICOLTURA BIOLOGICA cod. Oper. IT BIO 006 PT1470

Requisiti e specifiche di prodotto

I prodotti alimentari per essere etichettati e venduti come biologici devono contenere almeno il 95% di ingredienti certificati bio. La percentuale si riferisce al totale degli ingredienti di origine agricola ed esclude acqua, sale, additivi ed altri ingredienti non agricoli ammessi, ecc.

Si possono utilizzare ingredienti convenzionali solo se rientrano tra quelli previsti in una apposita lista dal Reg CE  889/08, e se i corrispondenti ingredienti bio non sono disponibili in quantità sufficiente sul mercato comunitario (es. fruttosio,  olio di girasole, organismi acquatici diversi dai prodotti dell’acquacoltura ecc.).
Ai prodotti che vantano una percentuale bio superiore al 95% è concessa l'applicazione di un apposito logo e label UE. L'uso di tale logo, oggi volontario, sarà obbligatorio a partire dal 1 luglio 2010 per tutti i prodotti ottenuti nell'UE.

La commercializzazione di prodotti ottenuti con materie prime in conversione all’agricoltura biologica è possibile solo se prevedono un solo ingrediente.

Sono ammessi, inoltre, solo additivi, eccipienti e coadiuvanti tecnologici ritenuti innocui dalla commissione UE (es. acido citrico, acido ascorbico, farina di semi di carrube, ecc.), indicati in liste apposite.
Tra gli aromi è ammesso esclusivamente l’impiego di  sostanze aromatizzanti naturali o preparazioni aromatiche naturali. 

E’ vietato
 l’impiego di coloranti di sintesi, additivi non blandi e, comunque, qualsiasi ingrediente (anche proveniente da agricoltura convenzionale) ottenuto o derivato da OGM.


Quando il tenore degli ingredienti bio è inferiore al 95% non è possibile riportare il termine "biologico" nello stesso campo visivo della denominazione del prodotto, ma solo incorrispondenza della lista degli ingredienti, riportando in etichetta la percentuale esatta di ingredienti certificati e precisando la loro tipologia nella lista degli ingredienti (normalmente viene utilizzato un segnale di richiamo in prossimità degli ingredienti certificati).
L'uso degli ingredienti convenzionali, in questo caso, non è più limitato ad una lista positiva ristretta.
A differenza del precedente Reg. CEE 2092/91, inoltre, non è più previsto alcun contenuto minimo in ingredienti bio.

I prodotti che possono vantare una percentuale superiore al 95% non devono riportare la % di ingredenti bio ed è concesso loro di applicare un apposito logo e label UE.

Requisiti di processo

Gli impianti di trasformazione, magazzinaggio e condizionamento devono garantire che la lavorazione dei prodotti da agricoltura biologica avvenga separatamente da quelli convenzionali, e permettere la chiara identificazione e rintracciabilità delle materie prime e del prodotto finito.

Mentre col vecchio Reg. CEE 2092/91 era obbligatorio riportare in etichetta l'indicazione "prodotto/ingrediente da agricoltura biologica" o, nei casi previsti, “in conversione all’agricoltura biologica”, con il nuovo Reg. CE 834/07 oggi è possibile indicare in etichetta la denominazione "Prodotto Biologico".

L' etichettatura e la pubblicità non devono contenere affermazioni che suggeriscano all’acquirente che il metodo biologico costituisce garanzia di qualità organolettica, nutritiva o sanitaria superiore.
I requisiti più significativi da rispettare ai fini della conformità alla normativa del biologico (Reg. CE 834/07) sono:
-       qualifica dei fornitori biologici (che devono dimostrare la certificazione di conformità al metodo di produzione biologico rilasciata dall’ente di riferimento),
-       controlli al ricevimento dei prodotti biologici (possibili attraverso i codici di controllo nelle etichette per il prodotti confezionati, indicazioni obbligatorie nel DDT, certificati di lotto/partita),
-       separazione dei 2 cicli produttivi, biologico e convenzionale (cautela e prevenzione rispetto alle contaminazioni), compresa la fase di trasporto, 
-       analisi presso laboratori SINAL che operano con metodi analitici a elevata sensibilità (limite di determinazione < 10 ppb),
-       gestione delle non conformità (come si comporta l'operatore verso il proprio fornitore qualora la partita consegnata sia risultata positiva all’analisi).

In ogni caso devono essere adottate tutte le precauzioni tese ad evitare la convivenza del biologico con prodotti trattati in post raccolta (es vinclozolin su kiwi / difenile su  arance), rimescolamenti tra prodotti convenzionali e biologici.

Grossisti e negozianti 

Il Reg. CE 834/07 e 889/08 prevedono l'obbligo di assoggettamento al sistema di controllo anche degli operatori che commercializzano prodotti biologici (grossisti, distributori, ecc.).
Sono esentati da questo obbligo solo i negozianti che vendono prodotti confezionati ed etichettati direttamente ai consumatori o all'utilizzatore finale.
Altro in questa categoria: « UTZ

Importazione di caffè Milds di Altura
Specialty Coffee
Caffè Indonesiani Sumatra, Java, Flores
Caffè certificati BIO - Fairtrade - UTZ - NOP 

P. IVA 02744470739

Contatti

Best Coffee srl
Via Michele Spadaro, 19a
Taranto
74121

+39 099 2310948

+39 099 7792559

info@bestcoffee.it

amministrazione@bestcoffee.it

Registrati alle newsletter:

Login Form